Spese di spedizione gratuite per ordini superiori a 30€
La mia make up artist

La mia make up artist

Il make up rivoluzionario degli anni ‘60

Il make up rivoluzionario degli anni ‘60

Gli anni ’60 hanno rappresentato una vera e propria rivoluzione, sociale e culturale, andando a toccare tutti gli aspetti, compreso il make up.  Le donne si sono liberate delle difficoltà economiche degli anni ‘40 e, traghettate dal boom degli anni ‘50, nei sixties hanno deciso di mettersi in mostra con trucchi esagerati, minigonne e capelli cotonati.

La rappresentate di questa immagine rinnovata è la modella Twiggy, al secolo Lesley Hornby, diventata famosa per la minigonna di Mary Quant e per il fisico acerbo e adolescenziale, in netto contrasto con le forme morbide delle icone dell’epoca precedente, come Marilyn Monroe e Jane Russel.

Gli anni ‘60 hanno modificato radicalmente i canoni estetici femminili: figure sottili, niente seno, gambe scoperte grazie a minigonne e pantaloncini, occhi ingranditi al massimo e corredati di ciglia finte, eyeliner grafici e spessi. Ma anche colori a volte esagerati o texture optical, totalmente innovative. Sono gli anni del cambiamento sotto tutti i punti di vista.

Caratteristiche del trucco anni ‘60

Per realizzare un trucco occhi in pieno sixties style è necessario puntare tutto sugli occhi. L’enfasi maggiore arriva dalle linee geometriche e nette che delineano la piega palpebrale, realizzate con un ombretto marrone scuro o nero. La palpebra viene poi colorata con ombretti neutri e molto chiari, per accentuare la linea della piega, oppure con ombretti non sfumati, i colori più in voga quegli anni erano celeste, verde, rosa pastello e marroncino.

Ma un vero trucco anni ’60 non può prescindere da tre elementi: ciglia finte, mascara ed eyeliner. Le ciglia finte, a ciuffetti o intere, arrivano sul mercato proprio in questi anni e non c’è diva che non ne abbia fatto ampio uso. Il mascara è nero e volumizzante, per la prima volta diventa waterproof, usato per le ciglia superiori, ma soprattutto per quelle inferiori, il tutto con il preciso scopo di rendere gli occhi enormi. Twiggy arrivava a disegnare le ciglia inferiori con la matita o con l’eyeliner per rendere ancora più sgranato il suo sguardo. Infine l’eyeliner, sempre nero, serve a delineare la rima palpebrale superiore, con una linea che la segue in maniera uniforme, per chiudersi poco oltre l’angolo esterno. Le labbra vengono truccate con il preciso scopo di rendere protagonisti gli occhi, sono per lo più nude o lievemente rosate, truccate con rossetti dal finish luminoso o glossy.

Per completare il look anni ’60 non si può tralasciare l’acconciatura, che deve essere assolutamente voluminosa, con una cotonatura che interessa la sommità del capo, con l’opzione di aggiungere una fascia o un fiocco.

Il make up anni ’60 oggi

Moltissime star hanno adotatto un trucco anni ’60, facendone un vero marchio di fabbrica. Adele è una di queste, che ha scelto un perfetto stile sixties, con la palpebra chiara e un’ombra scura proprio sulla piega palpebrale, il tutto corredato da una linea grafica di eyeliner che rende il suo sguardo super sexy. Ma anche Lana del Rey, Mila Kunis e in alcune occasioni Katy Perry hanno usato questo tipo di make up in occasioni ufficiali.

Senz’altro questo ci dice che gli anni ’60 sono stati davvero rivoluzionari, portando fino a noi tanti elementi che caratterizzano anche il più moderno dei look.

Riconoscimento editoriale: Casimiro PT / Shutterstock.com

Di Monica Guidi
Monica Guidi
Monica Guidi

Make up artist

Beauty Coach, Make up artist, Guest televisiva, Formatrice per aziende e privati. Da circa 15 anni aiuta il suo pubblico a valorizzare il proprio aspetto esteriore, senza mai tradirne l'autenticità. Le sue abilità professionali sono state riconosciute nel mondo della moda, della televisione e della pubblicità e oggi i suoi lavori sono apprezzati su magazine nazionali e internazionali.

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perderti nessun aggiornamento!

Inserisci la tua email

Freeage by 1 classe